Antiquarium Nazionale di Boscoreale

*Fonte Progetto A.D.Arte, Mibact, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
(0)
L’Antiquarium, istituito nel 1991 ed ospitato in un edificio costruito su un terreno donato dal Comune di Boscoreale, nelle adiacenze dell’area archeologica di Villa Regina, illustra, con l’ausilio di strumenti didattici, la vita e l’ambiente dell’epoca romana nell'agro Vesuviano particolarmente favorevole all’insediamento ed allo sfruttamento umano. Vi sono esposti numerosi reperti di ogni genere, rinvenuti spesso in eccezionale stato di conservazione sotto la coltre di cenere e lava vesuviana durante gli scavi effettuati, tra la fine dell’Ottocento ed i primi decenni del Novecento, in alcune delle case di Pompei e nelle ville rustiche e signorili attestate in questa zona, i quali permettono di acquisire dati notevolmente precisi sul tenore di vita, sulle condizioni economiche, sugli usi e costumi degli abitanti di questo territorio in età romana. Nella prima sala espositiva sono illustrati, opportunamente contestualizzati nell'ambiente naturale dei luoghi, reperti che documentano lo sfruttamento del mare e del suo immediato entroterra, le colture della fascia collinare, le attività economiche legate all’agricoltura ed all’allevamento, all’artigianato in particolare tessile, nonché alcune pratiche connesse alla religione, alla vita quotidiana come la medicina e la cosmesi documentate in epoca romana. Nella seconda sala sono esposti alcuni reperti attestanti la frequentazione umana nell’area nei periodi preistorico e protostorico, ma soprattutto provenienti dagli insediamenti a carattere produttivo di età romana scavati nel Comune di Boscoreale tra la fine dell’Ottocento ed il secolo scorso: le ville in proprietà D’Acunzo e Risi Di Prisco, del fondo Antonio Prisco ed in via Casone Grotta, Villa Regina, Villa della Pisanella, Villa di Numerius Popidius Florus, Villa di Marcus Livius Marcellus e di Asellius.

Established in 1991 and housed in a building close to the archaeological site of Villa Regina on land donated by the Municipality of Boscoreale, the Antiquarium uses educational tools to illustrate the life and environment of Roman in the countryside around Vesuvius, which was particularly well-suited for human settlement and exploitation. The numerous finds of all kinds that are on display were discovered in some of the houses of Pompeii, and in the villas and mansions in the surrounding countryside, during excavations between the end of the 19th century and the early decades of the 20th century. Thanks to the blanket of Vesuvian ash and lava under which these finds lay buried, they are often in outstandingly good condition and can give very accurate information about the lifestyle, economic conditions, activities, and customs of the inhabitants of this territory. The finds in the first of the two exhibition rooms have been appropriately contextualised in the natural environment of the places from which they came. They document how the sea and its immediate hinterland were exploited, the crops that were grown in the hills, the economic activities relating to agriculture and animal husbandry, the work of artisans, and some of the practices associated with religion and daily life, along with medicines and cosmetics that were used in Roman times. Some of the finds displayed in the second room testify to human presence in the area during the prehistoric and protohistoric periods, but they document above all the manufacturing settlements of the Roman age, which were excavated in the municipal area of Boscoreale between the end of the 19th century and the early part of the 20th century in the villas owned today by the D'Acuna and Risi Di Prisco families, in other villas on land currently owned by Antonio Prisco and at Via Casone Grotto: Villa Regina, Villa della Pisanella, Villa of Numerius Popidius Florus, Villa of Marcus Livius Marcellus, and Villa Asellius.

Informazioni


Contatti




Accessibilità Generale



Accessibilità Motoria









Accessibilità Visiva




Accessibilità Uditiva

Il museo dispone dei seguenti servizi: