Archivio di Stato di Avellino

*Fonte Progetto A.D.Arte, Mibact, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
(0)
L'Archivio di Stato di Avellino fu istituito in esecuzione della legge 12 nov. 1818 (Collezione regno Due Sicilie, 1818, n° 1379), ma di fatto cominciò a funzionare con i primi versamenti solo nel 1820. A seguito del r.d. 22 sett. 1932, n. 1391, divenne Archivio provinciale di Stato assieme a tutti gli ex Archivi provinciali del mezzogiorno. Con la l.22 dic. 1939, n. 2006, assunse la denominazione di Sezione di Archivio di Stato e quindi col d.p.r. 30 sett. 1963, n. 1409, quella di Archivio di Stato. La provincia di Avellino o, come fu denominata fin quasi alla fine dell'Ottocento, di Principato Ulteriore subì vicende abbastanza complesse; essa abbracciò fino all'unità d' Italia pressoché tutta l'attuale provincia di Benevento e parte della provincia di Foggia: ragion per cui è possibile trovare in Archivio documenti che si riferiscono a località attualmente comprese nelle province suddette. Gli archivi qui conservati non esauriscono naturalmente la documentazione relativa ad Avellino e ad altre località dell'attuale provincia: occorrerà guardare in particolare nei fondi conservati presso l'Archivio di Stato di Napoli. La sede dell’Archivio è ubicata, dall’agosto 2007, nel complesso monumentale dell’ex “carcere Borbonico”, progettato dall’architetto Giuliano De Fazio e completato dopo l’Unità d’Italia. L’archivio occupa il padiglione destinato alla detenzione femminile, costruito nel 1832 ed interessato da laboriosi e complessi lavori di restauro. L’Archivio di Stato di Avellino conserva all’incirca 65.000 buste che coprono un arco di tempo dal 1423 al 1960. Il materiale documentario è diviso per periodi storici: • Antichi regimi 1423 – 1814; • Periodo napoleonico 1806 – 1814; • Restaurazione borbonica 1815 – 1860; • Unità d’Italia 1861 – 1944; • Repubblica 1945 - 1960.

The State Archive of Avellino was established under Law 12 of November 1818 (Kingdom of the Two Sicilies Collection, 1818, no. 1379), but in fact only began to function when the first deposits were made in 1820. By Royal Decree no. 1391 of 22 September 1932 it became a Provincial State Archive along with all the former Provincial Archives of southern Italy. Under Law no. 2006 of 22 December 1939 it assumed the name of Section of State Archive. By Presidential Decree no. 1409 of 30 September 1963 it became a State Archive. The Province of Avellino, or the Ulterior Principality (as it was called until almost the end of the 19th century) experienced a fairly complex succession of events: until the unification of Italy it included almost all of the present-day province of Benevento and part of the province of Foggia, which is why some documents in this Archive refer to localities that are currently in those other provinces. Needless to say, the archives kept here do not exhaust the documentation relating to Avellino and other localities; so far as the current province is concerned, the relevant collections are those in the State Archive of Naples. Since August 2007 the State Archive of Avellino has been based in the monumental former Bourbon prison, which was designed by the architect Giuliano De Fazio and completed after the unification of Italy. Following laborious and complex restoration works it was installed in the former women's pavilion, built in 1832. The State Archive of Avellino holds about 65,000 containers that cover the period from 1423 to 1960. The documentary material is divided by historical periods: • Old regimes 1423-1814; • Napoleonic Period 1806-1814; • Bourbon Restoration 1815-1860; • Unification of Italy 1861-1944; • Italian Republic 1945-1960.

Informazioni



Contatti




Accessibilità Generale





Accessibilità Motoria










Accessibilità Visiva


Accessibilità Uditiva

Il museo dispone dei seguenti servizi: